Il Territorio

Ponzano Romano
Situato nella media valle del Tevere, a km. 50 a nord di Roma, Ponzano è attestato su una delle ultime propaggini del sistema collinare che dal monte Soratte degrada e si protende nella pianura della riva destra del fiume. Dalla sommità di una collina a promontorio con tre lati scoscesi, alta m. 204 s.l.m. e composta di roccia tufacea, l’abitato domina la verde vallata sottostante ed un orizzonte che al di là del Tevere si dilata nella Sabina dai poggi di Stimigliano e Forano sino alle prime cime boscose dei rilievi interni.

Tavere meando il FiascoA caratterizzare ancor di più l’eccezionale panorama è lo stesso fiume, che, dopo aver ricevuto più a monte le acque dell’Aia a sinistra e del Treia a destra, forma una serie di meandri. Di questi il più celebre è denominato “Fiasco” per la curiosa configurazione assunta dall’asse fluviale in corrispondenza di Ponzano, la cui distanza media dal Tevere è calcolata in m. 1100. E proprio all’abbondanza di acqua si deve la fiorente economia agricola di Ponzano,la cui origine è strettamente collegata al fiume.

Nell’esaminare il rapporto tra fiume e presenza umana è stato delineato un quadro generale che evidenzia le correlazioni tra gli insediamenti arcaici e ne chiarisce l’evoluzione nelle diverse fasi. Le prime tracce di frequentazione affiorate ai piedi del versante nord di monte Ramiano risalirebbero al periodo eneolitico- inizi della media età del Bronzo (2500-1500 a.C.). Nella successiva età del Bronzo media, recente e finale (1500-900 a.C.) l’abitato sottostante monte Ramiano sembra essere l’unica sulla sponda destra. Infine, nella prima età del Ferro (900-700 a.C.) gli abitati sorgono su alture e a distanza regolare come indicano i siti finora noti lungo la riva destra del fiume.

Il fiume Tevere ha rivestito in tutti i tempi un ruolo fondamentale come elemento vitale per l’insediamento umano nella sua valle e in epoca storica quello di frontiera tra i Sabini sulla sponda sinistra e gli Etruschi sulla sponda destra. Tuttavia la funzione di via di comunicazione e di commercio svolta dal Tevere è l’aspetto più rilevante e duraturo del fiume. Tale funzione, intimamente connessa con la navigabilità del corso d’acqua in territorio ponzanese è documentata in modo esemplare dalla presenza di uno scalo che resti antichi hanno consentito di localizzare nel sito ancora denominato “Portovecchio”.

banner protezione civile.jpg

Amministrazione Trasparente

Albo Pretorio

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Customer Satisfaction